Tortuguero National Park - alla ricerca delle tartarughe marine

Il parco nazionale del Tortuguero è senza dubbio il posto che più mi è rimasto nel cuore del Costa Rica, e, a pensarci bene, non poteva essere diversamente visto che stiamo parlando – letteralmente - della “Terra di tartarughe”!!!

E’ sulle spiagge di questo parco infatti che si può assistere ad uno dei spettacoli più belli e affascinanti della natura, la nidificazione della tartaruga verde.



 
Durante le calde notti caraibiche questi meravigliosi esseri viventi vengono a deporre le uova sulle selvagge spiagge del Tortuguero, normalmente tra giugno ed ottobre, ed ai i turisti è permesso partecipare a questo evento accompagnati da una guida autorizzata.

Viaggiando a fine dicembre eravamo ben consapevoli che per noi non ci sarebbero state speranze, ma le opinioni entusiaste degli altri viaggiatori  sul parco, ci hanno comunque convinti ad inserirlo nel nostro itinerario, e, con il senno del poi, vorrei ringraziarli uno ad uno!!




Questa regione, coperta da un’immensa distesa di foresta pluviale, attraversata da canali d’acqua dolce e bagnata dal Mar dei Caraibi,  è infatti uno dei posti migliori del Costa Rica dove poter ammirare la fauna selvatica. Bradipi, caimani, scimmie, iguane, rane, serpenti e moltissime specie di uccelli.

Non mi aspettavo tanta natura, e forse è stato proprio l’effetto sorpresa che mi ha fatto innamorare di questo posto.
E di sorprese il Tortuguero ce ne ha riservate!!!


Non avrei mai immaginato infatti, di poter assistere alla schiusa delle uova di tartaruga semplicemente passeggiando lungo la spiaggia principale del parco.

E’ stato qualcosa di non previsto che ci ha travolti ed emozionati.
Vedere quei piccolini determinati a raggiungere l’oceano commuove e riempie il cuore di gioia. E’ l’immagine più bella che il Costa Rica ci ha regalato!




Ma passiamo ora alle informazioni utili per organizzare il viaggio in modo autonomo.

 

Il colorato villaggio del Tortuguero, dalle tipiche case in stile caraibico, è raggiungibile solo via barca (o con piccoli e costosi aerei). I punti di accesso sono due, Moin e La Pavona.

Raggiungere il Tortuguero da Moin:

Per raggiungere Moin si deve arrivare a Limon. (sulla costa caraibica è possibile spostarsi con i bus della compagnia “Mepe”).
Gli 8 km che separano Limon dal molo di Moin possono essere percorsi con un bus locale, che parte dalla stazione “Caribeños“, oppure con un taxi (10 dollari).

Le barche da Moin per il Tortuguero partono tutti i giorni alle 10 del mattino (stesso orario in direzione opposta). Il costo è di 35 dollari a persona per tratta, ed è possibile prenotare o chiedere informazioni mandando una mail a : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (non verrà chiesto nessun pagamento anticipato)

Il viaggio è durato circa 3 ore, durante le quali, grazie alla super vista della nostra guida, siamo riusciti a vedere bradipi, caimani, scimmie e tantissimi uccelli.

Noi siamo partiti da Puerto Viejo (costa caraibica) alle 7 del mattino e arrivati al Tortuguero all’una e 30 circa, spendendo in tutto (bus +taxi + barca) 42 dollari a persona. Lo stesso tragitto ma con mezzi privati costa 75 dollari a persona.

 

Raggiungere il Tortuguero da La Pavona:

Le barche da La Pavona per il Tortuguero partono tutti i giorni alle 7:30, 11, 13 e 16:30. Il costo è di 2,7 dollari a persona e la durata è di circa un’ora, o poco più.
Nel senso opposto le barche partono alle: 5:30, 9, 11 e 15.

Al molo La Pavona c’è un ristorante, un mini market, un parcheggio a pagamento e la fermata degli autobus (non ci sono hotel, la città più vicina è Cariari).

Il trasporto privato da San Josè al Tortuguero, passando per La Pavona, costa 45 dollari a persona, barca inclusa. (noi abbiamo speso circa 8 dollari).

Se da La Pavona dovete proseguire per San Josè, questa è la soluzione più economica:
Dal molo c’è un autobus per Cariari che parte nei seguenti orari: 7:30, 10:30, 13 e 16:30 ed impiega circa un’ora e un quarto per arrivare. ( 2 dollari)
Un volta a Cariari (chiedere all’autista per capire esattamente dove scendere) bisogna camminare 5 minuti per raggiungere la stazione degli autobus diretti a San Josè.
Da qui i bus partono alle 9, 13 e 15, il prezzo è di 3 dollari ed impiegano 2 ore per arrivare nella capitale ( la stazione di arrivo a San Josè è quella del Gran Caribe).

Se doveste perdere l’autobus diretto per San Josè, da Cariari potete prendere un bus per Guapiles (partono ogni 15 minuti) e poi da li proseguire fino a San Josè.


Nel senso opposto, da San Josè al Tortuguero, questi sono gli orari:
Dalla stazione "Gran Caribe" di San Josè gli autobus per Cariari partono alle 6:30, 9, 10:30, 13. Da Cariari gli autobus per La Pavona partono alle 9, 11:30 e 15.

Calcolando che l’ultima barca da La Pavona diretta al Tortuguero parte alle 15, da San Josè dovete necessariamente prendere il primo bus delle 6:30 o al massimo quello delle 9 del mattino.

Il mio consiglio generale è quello di chiedere sempre conferma degli orari (anche via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Victor è molto disponibile) e tenersi sempre larghi con i tempi. In Costa Rica ritardi, traffico ed incidenti sono all’ordine del giorno!

 


Escursioni al Tortuguero:

Per tutte le escursioni che si svolgono all’interno del parco nazionale va pagata una tassa giornaliera d’ingresso di 15 dollari a persona (pagabile anche con carta di credito). Quindi, per risparmiare, sarebbe meglio concentrare le escursioni all’interno della stessa giornata.
Nessuna escursione necessita di essere prenotata in anticipo.

- Partecipare alla nidificazione delle tartarughe costa 25 dollari a persona, la visita dura circa 2 ore e si viene divisi in due gruppi (uno parte alle 20, l’altro alle 22). E’ vietato l’uso di macchine fotografiche e cellulari con o senza flash. I mesi migliori per assistere a questo meraviglioso evento vanno da giugno ad ottobre, fermo restando che nulla è garantito.

- il giro in barca o canoa all’interno dei canali nel parco nazionale costa 20 dollari a persona, ai quali va aggiunta anche la tassa d’ingresso. Normalmente le barche partono la mattina presto, intorno alle 6, ed il giro dura tre ore. E’ possibile noleggiare un kayak (15 dollari per tre ore) e girovagare per i canali del parco da soli, senza guida.

- I trekking, notturni o diurni, durano un paio d’ore e possono essere fatti sia all’interno del parco nazionale sia nel sentiero esterno che si snoda parallelo alla spiaggia.
Noi abbiamo scelto la night walk (che in realtà parte alle 7 del pomeriggio) al costo di 20 dollari a persona, che ci ha permesso di vedere diverse specie di raganelle, tra cui la rana dagli occhi rossi, simbolo indiscusso del Costa Rica, serpenti e bradipi.

 

 


Cosa portare al Tortuguero:

Contanti (dollari o colones). Nel villaggio non ci sono bancomat.
Un k-way (sarà il vostro fedele compagno in Costa Rica).
Una sacca impermeabile per documenti ed attrezzatura fotografica.
Un binocolo.
Una torcia.
Quintali di Autan.

 

Quanti giorni rimanere al Tortuguero:

Secondo me un giorno è sufficiente, ma con due ve la prendete comoda.
Arrivando verso l’ora di pranzo si può decidere di dedicare il pomeriggio ad un trekking oppure al relax in spiaggia (in questo tratto di costa è vietato fare il bagno per via delle forti correnti).
La sera stessa, se il periodo lo consente, si possono vedere le tartarughe deporre le uova oppure partecipare ad una night walk, ed organizzare l’uscita in canoa per la mattina seguente, in modo da poter riprendere la barca delle 10 o delle 11, e proseguire verso la tappa successiva del vostro viaggio. (è praticamente quello che abbiamo fatto noi).

Se capitate al Tortuguero nei mesi di dicembre e gennaio ricordatevi di andare a fare una passeggiata lungo la spiaggia (dopo le 16), le possibilità di assistere alla schiusa delle uova di tartaruga sono reali (e se ci siamo riusciti noi, che di sfiga ne abbiamo da vendere, potete riuscirci anche voi!!)


Esistono altri posti in Costa Rica, oltre al parco del Tortuguero, dove poter assistere alla nidificazione delle tartarughe marine.

Uno si trova sulla costa del Pacifico, esattamente a Playa Grande, 20 km sopra Tamarindo. Le tartarughe scelgono questa spiaggia per deporre le uova nei mesi che vanno da dicembre a marzo. Anche qui è possibile partecipare a tour guidati.

Ma la nidificazione più spettacolare avviene sulla spiaggia di Ostional, nella penisola di Nicoya, dove si radunano centinaia (ma anche migliaia) di esemplari di tartaruga. Il fenomeno avviene una volta al mese, per tutto l’anno, con un picco maggiore durante la stagione delle piogge, e coincide con il terzo quarto e la luna piena.

Fino ad oggi il flusso maggiore è stato registrato nel 1995, quando, su questa spiaggia, sono sbarcati 500.000 esemplari di tartaruga femmina!!!
Consultando il sito www.ostionalturtlelodge.com si possono ottenere le date (approssimative) di quando questo fenomeno si presenterà.

Ultima modifica il Lunedì, 30 Gennaio 2017 09:09
Etichettato sotto

Instagram

Chi Siamo

Noi

Deborah & Angelo, classe’80, romani, compagni di vita e di viaggio, abbiamo l’Africa nel cuore ma in Asia ci sentiamo a casa. Amiamo i viaggi “zaino in spalla”,  lo street food in giro per il mondo e catturare attimi con ogni strumento che la tecnologia mette a disposizione. Abbiamo creato Appuntidiviaggio.net nel 2005 dopo un viaggio nell'isola di Bali, dal quale siamo tornati letteralmente affetti dalla sindrome di wanderlust e da allora continuiamo a raccogliere e condividere qui  le nostre esperienze di viaggio.

Facebook

La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe ed i miei sogni non avranno frontiere