Sabbia bianca e lagune turchesi. Benvenuti nel parco nazionale dei Lençois Maranhenses.

Era il 2001 quando le jeep delle ragazze di “donnavventura” sfrecciavano sulla sabbia bianca di un deserto meraviglioso nel nord del Brasile.

Ricordo perfettamente le immagini trasmesse in tv, quel senso di stupore e meraviglia provato nell’ammirare per la prima volta quel posto incantato e fuori dalle rotte turistiche.

Si dice che "i sogni sono solo l’inizio del viaggio che serve per farli diventare realtà”...  sono passati 15 anni, e il sogno si è finalmente realizzato!!



Il parco nazionale dei Lencois Maranhenses è un posto che lascia senza fiato, accelera il battito del cuore, riempie gli occhi e regala una sensazione di felicità istantanea.

E’ quanto di più straordinario si possa ammirare.

70 chilometri di dune bianchissime modellate dal vento e costellate da meravigliose pozze di acqua piovana dai colori verdi e azzurro. Un paesaggio unico. Uno spettacolo naturale che stordisce e disorienta.

 


La quantità di acqua presente nelle lagune è proporzionale a quella caduta durante i mesi umidi (da febbraio a fine maggio) ma il livello dell’acqua dipende anche dalle temperature che si registrano durante i mesi più secchi.

Noi siamo arrivati l’ultima settimana di agosto ed abbiamo trovato gran parte delle pozze già asciutte. Credo che giugno e luglio siano i mesi migliori per organizzare un viaggio da queste parti.

Detto questo, il deserto dei Lencois è un posto di straordinaria bellezza con o senza lagune, e vale assolutamente la pena visitarlo.
 

 

Ma partiamo dal principio.

L'itinerario è stato il seguente:

1 notte a Sao Luis
1 notte a Barreirinhas (ne consiglio 2)
2 notti ad Atins
1 notte a Parnaiba
4 notti a Jericoacoara


Sao Luis è una città con una forte influenza portoghese, con numerosi edifici coloniali dai colori pastello e un centro storico decadente ma pieno di fascino, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Non vi aspettate una città turistica e organizzata. 

Per la maggior parte di coloro che decidono di esplorare i Lencois Maranhenses, Sao Luis è un punto di arrivo e quasi mai quello di partenza.
Le sue romantiche strade di ciottoli, di giorno calde e sonnolenti, la sera si animano di giovani e musica.

Lungo la Av. Magalhães de Almeida fermatevi da "Cafofinho da Tia Dica", il cibo è buono (anzi l’arroz ai frutti di mare è divino!), la birra scorre a fiumi e la musica è coinvolgente.
Per dormire invece, consiglio la pousada Amazzonia (prenotata tramite su booking).

Se avete poco tempo, mezza giornata è sufficiente per farsi un’idea della città, famosa più che altro per essere il punto di partenza per esplorare il Parco Nazionale dei Lencois Maranhenses.

 

 




Per visitare il parco e le sue lagune, da Sao Luis dovete raggiungere una di queste 3 cittadine:

Santo Amaro: forse la meno sfruttata turisticamente.
Da qui si ha accesso alla Lagoa da Gaivota ed alla comunità Betânia, inoltre si può organizzare il trekking di 4 giorni a piedi attraverso il parco, che vede come tappa finale Atins. (in jeep è vietato attraversare i Lencois).
Per mancanza di tempo noi abbiamo dovuto rinunciare a questa tappa.

Barreirinhas: la più facile da raggiungere e la più organizzata. Grazie alla presenza di diverse agenzie riesce ad essere anche più competitiva a livello di prezzi. Le lagune più famose facilmente raggiungibili da Barreirinhas sono Lagoa Azul, Lagoa da Esperanca, Lagoa dos Peixes (tutte e 3 molto vicine) e Lagoa Bonita.

Atins: Partendo da Sao Luis è l’ultimo accesso al parco, e si raggiunge passando per Barreirinhas. Qui sono presenti divere lagune, tra cui  Lagoa Verde, Lagoa  Tropicale, Canto de Atins e  la bellissima Lagoa da Capivara.


Da Sao Luis ci sono 4 autobus al giorno in partenza per Barreirinhas.
Alle 6, 8:45, 14 e 19:30, il tragitto è di circa 5 ore, il biglietto costa 44 real a persona e la compagnia è la Cisne Branco.

Se si è diretti a Santo Amaro si prende lo stesso autobus ma si scende a Sangue, località a 100 km da Barreirinhas, e si prosegue poi in jeep (circa 3 ore di bus più 2 ore di jeep).

Si deve tener conto che la stazione degli autobus di Sao Luis è fuori città, quindi vanno aggiunti 30 real per il taxi e 20 minuti per raggiungerla. Detto questo, il mio consiglio è quello di contattate la pousada a Sao Luis, uno o due giorni prima, e prenotate lo spostamento  verso il parco con i mini bus privati (io non l’ho fatto e il giorno stesso non ho trovato posto). Costano leggermente di più, 60 real a persona, ma se calcolate che vi risparmiate il taxi per raggiungere la stazione praticamente sono anche più economici. 

 


Barreirinhas è un vivace paesino adagiato lungo le rive del Rio Preguiça con diverse sistemazioni, ristoranti, agenzie e un paio di banche dove poter prelevare contanti (fate bancomat qui).
Non serve prenotare in anticipo nulla dall’Italia (anche perché ho sentito dire che i prezzi che propongono sono folli), qualsiasi cosa avete in mente di fare a Barreirinhas riuscirete ad organizzarla, tempo e soldi permettendo!!

Da Barreirinhas le escursioni principali sono:

Lagoa Azul + Lagoa da Esperanca + Lagoa dos Peixesdura: mezza giornata 60/70 real a persona. La Jeep parte verso le 9,30 e rientra a Barreirinhas per pranzo. Oppure parte verso le 14,30 e torna per le 18,30.

Lagoa Bonita: durata mezza giornata 70/80 real a persona. La Jeep parte verso le 9,30 e rientra a Barreirinhas per pranzo. Oppure parte verso le 14,30 e torna per le 18,30.

Fare Lagoa Azul e Bonita senza tornare a Barreirinhas vuol dire affittare una jeep privata ed essere pronti a sborsare sui 500/600 real (naturalmente se viaggiate in gruppo conviene).

Navigazione del Rio Preguiça Le barche partono solo la mattina, il costo è di circa 70/80 real a persona, il tragitto dura circa 4 ore e fa diverse tappe: Vassouras, Mandacaru e Caburè.
Si può decidere se proseguire fino ad Atins o tornare a Barreirinhas. Ci sono anche barche che fanno lo spostamento diretto, arrivando ad Atins in 1 ora (300/400 real intera barca).

Atins si può raggiungere in poco più di un’ora anche via terra, con le Jeep collettive. Queste partono la mattina dal centro città (vicino alla pousada da Deusa) ed il costo è di 25 real a persona.

 


Con un solo giorno a disposizione a Barreirinhas, prima di partire, mi ero fatta questa idea:
Mezza giornata per visitare una laguna tra Azul e Bonita.
Pomeriggio navigazione sul Rio Preguiça per raggiungere Atins dove passare le due notti successive (prenotate dall’Italia).

Invece arriviamo a Barreirinhas di sera e, appena scesi dall’autobus, veniamo “catturati” da un simpatico ragazzone che ci fa una proposta molto allettante.
Ci organizza l’intera giornata successiva, mattina a Lagoa Azul e tramonto a Lagoa Bonita con rientro a Barreirinhas dopo le 19, e spostamento in quod, con un suo amico, fino ad Atins (il quod ci costerà 60 real a persona)
Accettiamo subito attirati dalla possibilità di trascorrere l’intera giornata nelle lagune, anche se dobbiamo rinunciare alla navigazione sul Rio Preguiça (la sera le barche non partono).

Ovviamente non so dirvi se ho fatto bene o male, ma non mi sono pentita della scelta.

Il mio consiglio è di trascorrere 2 notti e un giorno intero a Barreirinhas, così da poter esplorare il parco ed avere il giusto tempo per vedere le lagune, e la mattina seguente proseguire in barca lungo il Rio Preguiça fino ad Atins. (per far questo a noi sarebbe servita una notte in più!!)

Normalmente non amo stravolgere i piani, ma questa volta non ne ho fatto una tragedia, forse perché attraversare un deserto di notte, su un quod, sotto un meraviglioso cielo stellato, senza incrociare nessun essere vivente per oltre un’ora è stata una gran figata!

 

 

Atins è un remoto villaggio bagnato dall’oceano dove l’asfalto non è ancora arrivato.

Da queste parti i cellulari sono fuori uso e la sera è necessaria una torcia per uscire.
Non vi aspettate di trovare molto, oltre a sabbia e vento ci sono solo un paio di scuole di kite, due baretti sulla spiaggia, una manciata di pousada e nessun bancomat. (prelevate contanti a Barreirinhas)

Ad Atins si viene per 3 motivi.
Nuotare in una delle lagune all’interno del parco dei Lencois, praticare kite surf senza dover dividere il mare con altri 100 aquiloni (credo che tra qualche anno farà concorrenza a Jericoacoara) o concedersi una bella scorpacciata di “camarones a la planche” in uno dei due ristoranti più famosi della zona: da “Antonio” o da “Dona Luzia” (spesa minima 100 real in due)

E vi assicuro che sono tutte motivazioni valide!!

Ma Atins è anche uno di quei posti dove, se avanza del tempo, lo si trascorre volentieri, magari su un’amaca all’ombra di una palma!


 

 


Spostarsi qui non è semplice. Camminare sulla sabbia è faticoso, e anche una minima distanza diventa insostenibile, senza contare che il caldo si fa sentire parecchio.
Quindi quando vi diranno che potete raggiungere con le vostre gambe le lagune in sole due ore di camminata, voi fate finta di non aver sentito e noleggiate un quod.

Anche ad Atins abbiamo trovato la maggior parte delle lagune asciutte, ma grazie ai consigli della nostra pousada (Pousada Flamboyant – che consiglio) ci siamo diretti in quod (100 real in due) alla lagoa da Capivara.

Ne avevamo già viste di belle a Barreirinhas ma credetemi, questa ci ha lasciato senza parole. Abbiamo trovato l’acqua abbastanza alta da poterci nuotare e all’interno tanti piccoli pesci!

 


Dopo due notti in questo paradiso di sabbia sconnessi con il mondo esterno iniziamo il nostro cammino per avvicinarci a Jericoacoara.

Lasciamo Atins e con una piccola lancia, in 20 minuti circa, raggiungiamo Caburè (40 real a persona).

La barca ci lascia su una spiaggia bianchissima e deserta.
Dopo qualche minuto sbuca un tizio in quod, ed a gesti ci fa capire che può accompagnarci fino a Paulino Neves, città dove inizia la strada asfaltata che prosegue verso sud. (30/40 minuti - 50 real a persona)

Da Paulino Nueves si deve necessariamente raggiungere Tutoia per poi proseguire verso Parnaiba.

I taxi Paulino Nueves – Tutoia chiedono 180 real per il viaggio e non scendono neanche sotto tortura, mentre il carro pubblico (la nostra scelta) costa solo 10 real a persona ed impiega 40 minuti per raggiungere Tutoia.

Da Tutoia l’autobus per Parnaiba costa 20 real e parte alle 15, mentre il taxi ci ha chiesto 120.
Abbiamo trovato un ragazzo con il quale dividere la spesa così abbiamo deciso di non perdere tempo. Con il taxi arriviamo a Parnaiba poco prima delle 14.

 

 

Si arriva fino a Parnaiba per un solo motivo, navigare sul delta del Parnaíba, chiamato anche Delta das Americas, addentrandosi tra i sui canali di mangrovie e le sue isolette, per ammirare la migrazione di migliaia di uccelli guarà, dalla caratteristica colorazione rosso fuoco, che ogni sera, verso le 5-5.30, ritornano ai loro nidi nella foresta. (In realtà questa escursione è possibile farla anche da Tutoia)

Quindi la prima cosa che facciamo è raggiungere subito le agenzie turistiche in zona Porto Das Barcas che organizzano questo tour, ma  purtroppo tutte ci informano che non ci sono barche in partenza per il pomeriggio, o meglio, non c’è nessun turista con il quale dividere la barca e quindi la spesa.

Per fare questo tour, da soli, ci sono stati chiesti 450 real, circa 120€. (normalmente costa 70 real a persona per 4/5 ore di navigazione)
Sinceramente non ce la siamo sentita di spendere tutti quei soldi, ed a malincuore abbiamo dovuto rinunciare. Abbiamo capito che la navigazione sui fiumi non s'ha da fare!!


Per evitare la stessa fine che abbiamo fatto noi (cioè vagare per una città che non ha proprio nulla di interessante) consiglio di organizzare con qualche giorno di anticipo la navigazione, basta rivolgersi alla pousada scelta per trascorrere la notte.


La mattina seguente lasciamo Parnaiba con un bus per Camocim.
Gli autobus partono alle 7:15, 9:30, 18:55 e 22. Impiegano circa 2 ore e il biglietto costa 19 real.

Da Camocim alle 12 parte un bus che porta fino a Jericoacoara (con cambio a Jijoca e una sosta di 1 ora) al costo di 30 real a persona.
Io vi consiglio però di prendere il biglietto fino a ijoca e non Jericoacoara, perché da qui partono jeep collettive per Jericoacoara (40 minuti e 20 real a persona) senza quindi dover attendere un'ora l'altro autobus.

Importante: prima di lasciare Jijoca fate bancomat!
A Jericoacoara non ci sono banche. Potete ottenere soldi presso il supermercato del paese ma vi verranno applicate commissioni del 10%.

 


Posto la mappa e lo schemino qui sotto cercando di aiutare a capire meglio come spostarsi in modo autonomo.
Vi anticipo però che sono già iniziati i lavori per potenziare i collegamenti stradali tra Barreirinhas e Paulino Neves, inoltre si vocifera della realizzazione di una strada asfaltata per raggiungere Santo Amaro, quindi a breve l'uso delle jeep o dei quod sarà sostituito da una rete di autobus.
Questo sicuramente abbasserà i costi, ridurrà le distanze e aumenterà il turismo, ma sono sicura che toglierà parecchio all'unicità di questo ecosistema straordinario.

 

Sao Luis Barreirinhas bus pubblico/mini-bus  5 ore 44/60 real pp
Barreirinhas Atins  jeep/barca/quod min. 1 ora/ max. 4 ore 25/70/60 real pp
Atins  Caburè  barca  20 minuti 40 real pp 
Caburè  Paulino Neves quod/Jeep 30/40 minuti 50 real pp
Paulino Neves Tutoia  Jeep collettive  40 minuti   10 real pp
Tutoia  Parnaiba  bus/taxi  1 ora e mezza 20 real pp/120 real 
Parnaiba  Camocim    bus  2 ore 19 real pp
Camocim    Jijoca    bus  1 ora   20 real pp
Jijoca    Jericoacoara  jeep collettive  40 minuti  20 real pp  
Jericoacoara  Fortaleza bus/jeep private 7 ore / 4 ore e mezza  75/150 real pp


In totale, per spostarci da Sao Luis fino a Jericoacoara, abbiamo speso 88€ a persona.

Naturalmente se il budget lo consente potete fare tutti questi spostamenti con jeep privata.

 

 

Consigli finali:
• Visitare i Lencois in “fai da te” è facile e relativamente economico rispetto ai tour organizzati;
• Per non perdervi nulla e godere della bellezza del parco programmate almeno 5 notti (escluso Sao Luis e Jericoacoara);
• Cercate di proteggere la vostra macchina fotografica dal vento, costante ed onnipresente;
• Nonostante i vostri sforzi la sabbia entrerà ovunque, portatevi il necessario per pulirla;
• Preparatevi a lottare contro un esercito di zanzare affamate;
• Gli occhiali da sole, in un deserto bianco come il latte, sono di vitale importanza;
• Cercate di visitare il parco dei Lencois tra fine maggio e fine luglio, la probabilità di trovare le lagune piene sarà molto più alta;
• Ricordatevi di fare bancomat prima di arrivare ad Atins ed a Jericoacoara;
• Prenotate in anticipo l’escursione al Rio Parnaibas per vedere i guarà rossi;
• Non sprecate i vostri soldi comprando la Lonely Planet;
• Lasciate a casa le scarpe, sono veramente inutili.

"Qui tutto sembra sempre uguale, ma se guardi con attenzione ti accorgi che la sabbia è ogni giorno in una posizione diversa. Dio ha creato queste montagne bianche e le ha date al vento perché ci giocasse per l’eternità” Manuel Brito

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 22 Dicembre 2016 14:43
Etichettato sotto

Instagram

Chi Siamo

Noi

Deborah & Angelo, classe’80, romani, compagni di vita e di viaggio, abbiamo l’Africa nel cuore ma in Asia ci sentiamo a casa. Amiamo i viaggi “zaino in spalla”,  lo street food in giro per il mondo e catturare attimi con ogni strumento che la tecnologia mette a disposizione. Abbiamo creato Appuntidiviaggio.net nel 2005 dopo un viaggio nell'isola di Bali, dal quale siamo tornati letteralmente affetti dalla sindrome di wanderlust e da allora continuiamo a raccogliere e condividere qui  le nostre esperienze di viaggio.

Facebook

La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe ed i miei sogni non avranno frontiere